ER DOLORE

Er dolore t’aspetta ar varco

pe’ corpitte ‘n’do te fa più male

Je abbasta de  concentrasse poco

pe’ scovà quer punto tuo niscosto

a’n’dove er respiro se fa più labbile

Ce conficca er veleno quello gajardo

che co’n’soffio te stenne

pe’ nun fatte più riarzà

Ma è troppo facile dajela vinta

a ‘sto magna pane a tradimento..

Basta  concentrasse  e penzà

che ‘ a vita è bella e puro drento ar male

te sa dà ‘n’emmozzione scartra

che si la superi poi diventi ‘n’gran zignore

assai lontano da ‘a comare secca

che co’n’bacio gelido

nun te fa sentì nimmanco er tocco de ‘n’alito de vento

@Silvia De Angelis

IL DOLORE (traduzione)

Il dolore ti attende al varco

per colpirti ove ti fa più male

Gli basta di concentrarsi poco

per capire il tuo punto nascosto

dove il respiro si fa più labile

Vi infila il veleno quello forte

che con un soffio ti mette a terra

per non farti più rialzare

Ma è troppo facile dargliela vinta

a questo mangia pane a tradimento.

Basta concentrarsi e pensare

che la vita è bella e anche nel male

ti sa dare un’emozione forte

e se la superi diventi un gran signore

assai lontano dalla morte

che un bacio gelido

non ti fa sentire ne anche il tocco d’un alito di vento

 

Commenti

  1. da facebook :

    Nadia Natalina Mazzocco
    Non ho parole,una poesia che si commenta da sola💙


    Nadia Natalina Mazzocco
    Inchino a te Poetessa👏👏👏


    Giovanna de Santis
    Magnifica Bravissima Poetessa 🥰❤🥰



    Maria Virginia Romano
    Brava, bella descrizione de dolore che attanaglia, fa male ma fortifica......i miei complimenti Silvia! ✍👏👏👏⚘


    Rosa Cozzi
    Bella anzi bellissima. Adoro la poesia in vernacolo , il romanesco in particolare. Grazie cara . Buona notte

    RispondiElimina
  2. Vitka Vì Coppola
    La vita è bella sempre...qualunque cosa possa accadere. La tua poesia contiene una grande morale: stringere i denti e guardare oltre perché oltre le nubi si cela cela un sole pronto a tornare a risplendere.

    RispondiElimina
  3. Francesca Romani
    te l'ho sempre detto ,le tue poesie in vernacolo sono stupende,leggere ma profonde,colorite,musicali e riescono a far sorridere anche se narrano argomenti duri ed ostici.Se te pjano Belli e Trilussa se inchinano ammirati!😘

    RispondiElimina
  4. Mai arrendersi, e porre sempre un sorriso tra noi e il disastro.

    RispondiElimina
  5. Poema Intenso, Profundo, fascinante de ler. Deixo o meu mais fervoroso elogio.
    .
    Abraço poético
    .
    Pensamentos e Devaneios Poéticos
    .

    RispondiElimina
  6. Raffaele Ferrari
    ma che brava ,Silvia,anche nel vernacolo!graditissima a dimostrare che la vena ..... c'è e produce mirabilmente🥰

    RispondiElimina
  7. Ciao Silvia, intensi e profondi questi tuoi versi sul dolore, il quale spesso annienta il pensiero per poi farlo rinascere più forte di prima.
    Ti lascio un caro saluto e un augurio di buone vacanze.
    Arrivederci a settembre
    Rakel

    RispondiElimina
  8. Aún con dolor no vale rendirese.
    Buen jueves Silvia. Cuídate.
    Un abrazo.

    RispondiElimina
  9. Very impressive poem, Silvia!
    It is hard to deal with pain.

    A hug

    RispondiElimina
  10. Marina Donnarumma
    Il dolore purtroppo per quanto si faccia non si riesce ad evitare

    RispondiElimina
  11. Buongiorno Silvia ti dirò che ho 10 dita ma se devo battere qualcuno batto sempre in quello dove ho più dolore
    A scanso degli atri che se la ridono
    un sospirone e si va avanti
    Spesso i lupi vorrebbero divorarmi nella parte del cuore più sensibile ma li scaccio mio via implorando San Michele Arcangelo
    buon luglio

    RispondiElimina
  12. Flavio Almerighi
    è vero, ti aspetta al varco per segarti dove fa piu' male

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari